Municipio: Via Beato Placido 11 - 13, 95030 Maniace (CT) - Tel. 095/690139 - Fax 095/690174 - comunedimaniacect@legalmail.it

Home page Comune di Maniace
Criteri di Assegnazione Buoni Alimentari PDF Stampa E-mail
Giovedì 02 Aprile 2020

AVVISO PER LA EROGAZIONE DI BUON SPESA PER L’ACQUISTO DELLA SPESA

ALIMENTARE E GENERI DI PRIMA NECESSITA' IN FAVORE DEI CITTADINI

COLPITI DALLA SITUAZIONE ECONOMICA DETERMINATASI PER EFFETTO

DELL’EMERGENZA COVID-19.        Clicca qui per visionare

 

Modulo Domanda di Assegnazione


Le richieste formulate, debitamente compilate con allegato il documento di riconoscimento, visto la temporanea chiusura degli uffici comunalial pubblico,

le stesse possono essere  inoltrate al seguente indirizzo di posta elettronica:

Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

SI INFORMANO I CITTADINI CHE  PER GARANTIRE  CELERMENTE L’EROGAZIONE DEI BUONI,

ANCHE IN VISTA DELLE FESTIVITA’ PASCQUALI,

LA DOMANDA DEV’ESSERE PRESENTATA ENTRO E NON OLTRE LE ORE 12:00 DEL GIORNO  08.04.2020.

 
Fornitura Generi Alimentari PDF Stampa E-mail
Martedì 31 Marzo 2020

AVVISO PUBBLICO AGLI ESERCIZI COMMERCIALI

ELENCO  DEGLI  ESERCIZI  COMMERCIALI  DISPONIBILI AD ACCETTARE I BUONI SPESA UTILIZZABILI PER L’ACQUISTO DI GENERI ALIMENTARI E PRODOTTI NON ALIMENTARI DI PRIMA NECESSITÀ.

L'Amministrazione Comunale intende predisporre un elenco di esercizi commerciali con sede a Maniace, disponibili ad accettare i buoni spesa rilasciati dal Comune per permettere l’acquisto di generi alimentari e di  prima necessità ai cittadini.

Si pregano gli esercizi commerciali interessati di far pervenire la loro disponibilità urgentemente entro il 4.04.2020 utilizzando l'apposito modulo da inviare all'indirizzo pec del Comune di Maniace: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Visto il momento particolare che il paese sta attraversando si invitano tutte le attività rientranti nelle predette categorie a fornire la propria disponibilità.

Modulo di Adesione

 
Emergenza Coronavirus PDF Stampa E-mail
Martedì 10 Marzo 2020

Il Sindaco

Avvisa la Cittadinanza

Che in ottemperanza al   DPCM dell’08 marzo 2020 , successivamente modificato con DPCM del  09.03.2020 , che identifica tutto il territorio nazionale a rischio epidemico COVID-2019,

di rispettare i seguenti obblighi e prescrizioni  :

1) Sono sospese le attività di pub, scuole di ballo, sale giochi, sale scommesse e sale bingo, palestre , centri sportivi ,piscine e centri benessere , discoteche e locali assimilati, con sanzione della sospensione dell’attività in caso di violazione;

2) sono consentite le attività di ristorazioni , bar, chioschi , circoli operai ,  dalle ore 06.00 alle ore 18.00 con obbligo a carico del gestore di predisporre le condizioni per garantire la possibilità del rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro di cui all’allegato 1 lettera d), con sanzione della sospensione dell’attività in caso di violazione ;

3) sono consentite le attività commerciali diverse da quelle di cui alla lettera precedente a condizioni che il gestore garantisca un accesso ai predetti luoghi con modalità contingente o comunque idonee a evitare assembramenti di persone, tenuto conto delle dimensioni e delle caratteristiche dei locali aperti al pubblico, e tali da garantire ai frequentatori la possibilità di rispettare la distanza di almeno un metro di cui all’allegato 1 lettera 1 lettera d), tra i visitatori , con sanzione della sospensione dell’attività in caso di violazione . In presenza di condizioni strutturali o organizzative che non consentono il rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di un metro, le richiamate strutture devono essere chiuse ;

4) la chiusura non è disposta per farmacie , parafarmacie , e punti di vendita di generi alimentari , il cui gestore è chiamato a garantire comunque il rispetto della sicurezza interpersonale di un metro di cui all’allegato 1 lettera d), con sanzione della sospensione dell’attività in caso di violazione ;

5) E’ fatta espressa raccomandazione a tutte le persone anziane o affette da patologie croniche o con multimorbilità ovvero con stati di immunodepressione congenita o acquisita, di evitare di uscire dalla propria abitazione  o dimora fuori dai casi di stretta necessità e di evitare comunque luoghi affollati nei quali non sia possibile mantenere la distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro, di cui all’allegato 1, lettera d)

6)  ai soggetti con sintomatologia da infezione respiratorie e febbre ( maggiore di 37.5° C) è fortemente raccomandato di rimanere presso il proprio domicilio e di limitare al massimo i contatti sociali, contattando il proprio medico curante ;

7) sono sospese tutte le attività religiose ( messe, funerali, cerimonie civili e religiose ) ;

8) divieto assoluto di assembramenti di persone nei luoghi di aggregazione  ( piazze ect )

9) evitare ogni spostamento delle persone fisiche in entrata e in uscita dai territori , nonché all’interno dei medesimi territori, salvo che per gli spostamenti motivati da compravate esigenze lavorative o situazioni di necessità ovvero spostamenti  per motivi di salute.

Chiunque ha le medesime necessità è obbligato a compilare l’autocertificazione ai sensi degli articoli 46.47 del D.P.R. 28 DICEMBRE 200. N.445

10) divieto assoluto di mobilità dalla propria abitazione o dimora per i soggetti sottoposti alla misura della quarantena ovvero risultati positivi al virus .

11) chiunque, a partire dal quattordicesimo giorno antecedente la data di pubblicazione della presente Ordinanza abbia fatto ingresso in Sicilia  dopo aver soggiornato in zone a rischio epidemiologico,  deve comunicare tale circostanza al Comune , al Dipartimento di prevenzione dell’azienda sanitaria competente per territorio, nonché al proprio medico di medicina generale,ovvero al pediatra di libera scelta , con obbligo di osservare la permanenza domiciliare con isolamento fiduciario, mantenendo lo stato di isolamento per 14 giorni dall’arrivo con divieto di contatti sociali, di osservare il divieto di spostamento e di viaggi, di rimanere raggiungibile per ogni eventuale attività di sorveglianza;

e obbligatorio  comunicare il proprio rientro ai seguenti uffici :

Comune di maniace : Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. Tel/Fax 095/690455

ASP di Catania :         Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

E’ molto importante comunicare il proprio rientro per proteggere  se stessi e soprattutto i propri familiari piu’ fragili ( Anziani, soggetti portatori di patologie croniche ect) allo stesso modo e indispensabile rimanere a casa, in isolamento , per 14 giorni dalla data di rientro da tutto il territorio nazionele.

Facciamolo per chi già combatte ogni giorno con altre malattie e soprattutto facciamolo per i nostri cari nonni e anziani.

Non giochiamo con la nostra e con la vita degli altri.

Inoltre si chiede di registravi sulla piattaforma realizzata dall’assessorato alla Salute della Regione Siciliana http://bit.ly/censimentoCoronavirusSicilia

La mancata osservanza degli obblighi comporterà le conseguenze sanzionatorie previste dall’art. 650 del Codice penale se il fatto non costituisce reato più grave.

F.to il Sindaco Antonino Cantali

 

DPCM_ 8 Marzo 2020 Entrato in viifore il 09/03/2020    G.U.R.I N° 59

DPCM_ 9 Marzo 2020 Entrato in vigore il 10/03/2020    G.U.R.I N° 62

Ordinanza Sindacale N° 10 del 10/03/2019

 

Aggiornamenti


DPCM_ 11 Marzo 2020 Entrato in vigore il 11/03/2020

Ordinanza Sindacale N° 13 del 17/03/2020

Modulo Autocertificazione  Scaricabile Editabile Dal Sito del Ministero Dell'Interno Aggiornato al 26 Marzo 2020

Domande e risposte -   PossoMuovermi -   Direttiva N° 2 _2020Decreto Legge 17 Marzo 2020 N° 18Circolare Esplicativa Ministero Interno su DL 18/2020

Presidente della Regione Sicilia - Ordinanza  contingibile e urgente n°5 del 13.03.2020

Presidente della Regione Sicilia - Ordinanza  contingibile e urgente n°6 del 19.03.2020

Presidente della Regione Sicilia - Ordinanza  contingibile e urgente N° 7 del 20.03.2020.PDF

Ordinanza Ministero della Salute del 20.03.2020

DPCM 22 Marzo 2020 -   Ordinanza Ministero della Salute  22 Marzo  2020 -

Circolare esplicativa Ministero dellìinterno su DPCM

Attivazione   Del  Centro  Operativo  Comunale Di Protezione Civile Per L'emergenza Covid-19.

Presidente Regione Sicilia - Ordinanza Contigibile e Urgente N° 13 del 01/04/2020

 
Conduttori di alloggi in locazione PDF Stampa E-mail
Venerdì 06 Marzo 2020

Si rende noto che l'Assessorato Regionale delle Infrastrutture e della

Mobilità, ha approvato con il D.A. n. 23 del 24 Gennaio 2020, pubblicato

sulla G.U.R.S. del 14/02/2020 Parte I n. 8, e successivamente modificato

nella sezione requisiti fascia "A" con D.A. n.128 del 19/02/2020, pubblicato

sulla G.U.R.S. del 28/02/2020 Parte I n. 10, il Bando Pubblico per consentire

ai conduttori di alloggi in locazione nell’anno 2018 di beneficiare di un

contributo economico,

I cittadini in possesso dei requisiti indicati nell'allegato Bando possono

presentare istanza, per la concessione del contributo economico,

utilizzando l'apposito modulo predisposto dall'Assessorato Regionale delle

Infrastrutture e della Mobilità.

L'istanza di ammissione al contributo, debitamente compilata e

corredata di tutti gli allegati, pena decadenza beneficio, deve essere

presentata entro e non oltre il 31/03/2020.

Questa Ente provvederà a trasmettere le domande pervenute al

Dipartimento Regionale delle Infrastrutture, della Mobilità e dei Trasporti,

che espleterà la relativa attività istruttoria, provvedendo anche ad erogare il

contributo agli aventi diritto.

Si rimanda al bando integrale, redo pubblico nell’apposita sezione

– Atti – Bandi di Gara e Concorsi – Anno 2020 Bandi.

 
OGGETTO: COVID-19 (CORONAVIRUS) PDF Stampa E-mail
Martedì 25 Febbraio 2020

CONSIDERATO che attraverso i mezzi di stampa si è venuti a conoscenza che in Sicilia vi è un caso accertato di una turista bergamasca con infezione da Coronavirus;

DATO ATTO CHE i centri principali dell’emergenza del virus sono concentrati in alcune zone del Nord Italia, e precisamente in Lombardia nella zona del "Basso Lodigiano" ed in Veneto tra i Comuni di Vó Euganeo e Mira e risulta opportuno tenere alta l’attenzione di ciascuno di noi sugli avvenimenti di queste ore, senza alimentare allarmismi ingiustificati ma stimolando la cittadinanza a rispettare le linee guida emanate dal Ministero della Salute.

In questo momento di tensione nazionale è fondamentale informare i cittadini perchè la prima difesa contro questa, come altre malattie, è la prevenzione; allo stesso tempo è fondamentale diffondere e far conoscere le informazioni corrette e scientificamente attendibili, per evitare che,  il proliferare di notizie sbagliate o non corrette, inneschi fenomeni ingiustificati, che non  aiutano alla soluzione dei problemi, pertanto:

IN CONSIDERAZIONE della situazione sanitaria delle ultime ore, in merito aII’epidemia di COVID-19 (dove "CO" sta per corona, "VI" per vírus, "D" per disease e "19" indica I’anno in cui si é manifestata), dichiarata dal Direttore Generale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità      (OMS), emergenza di  sanità pubblica di rilevanza internazionale,

ACCLARATA la denominazione delI’ lnternationaI Committee on Taxonomy of Viruses (ICTV) che ha classificato il nuovo coronavirus in "Sindrome respiratoria acuta grave coronavirus 2" (SARS-CoV-2).

LETTA la circolare del Ministero della Salute (n. 0005443-22/02/2020-DGPRE-DGPRE-  P).

VISTO il Decreto-legge emanato dal Presidente della Repubblica in data 23/02/2020

LETTA la Circolare dell’Assessorato alla Salute della Regione Lombardia.

CONSIDERATO che l’epidemia è su base internazionale e che anche in ltalia a tutt’oggi si sono manifestati casi accertati di infezione da coronavirus in più regioni del nord (il bilancio fornito dalla protezione civile fino al 22.02.2020 parla di circa 152 contagiati, tra Lombardia, Veneto, Emilia Romagna, Lazio e Piemonte).

CONSIDERATO anche che le vittime accertate per ora sono sette, il che significa che la mortalità da COVID-19 è di fatto nettamente inferiore a quella del Virus, che nella medesima giornata scorsa ha registrato ben 217 decessi.

VISTO che a tutt‘oggi non ci sono casi certi di persone infette nella provincia di Catania

VISTO che codesta infezione virale (COVID-19) si propaga facilmente con modalità di trasmissione     da persona a persona, attraverso le vie aeree e, pertanto, non esistono confini geografici.

VISTO che il periodo di incubazione di 14 gg. non è necessariamente seguito da una sintomatologia e che il soggetto asintomatico (PORTATORE SANO) può essere veicolo d’infezione anche se il tampone è negativo.

II SINDACO

al fine di tutelare la salute dei propri cittadini, e rafforzare le misure di prevenzione della diffusione del Coronavirus, intende con la presente:

PROMUOVERE dei comportamenti per quanto possibile più consoni ad un corretto atteggiamento di igiene e profilassi da parte di tutta la popolazione residente nel territorio del Comune di Maniace per prevenire l’epidemia di COVID 2019.

AGIRE ad integrazione di quanto già ribadito da precedenti circolari ufficiali del Ministero della Salute che contenevano, tra l’altro, indicazioni sulla gestione dei casi nelle strutture sanitarie, l’utilizzo dei DPI   per il personale sanitario e le precauzioni standard di biosicurezza.

AI riguardo si forniscono le seguenti indicazioni:

Raccomandiamo a tutti i cittadini di rispettare le misure igieniche per le malattie a diffusione respiratoria quali:

LAVARSI spesso le mani con sapone disinfettante* e soluzioni idroalcoliche*;

EVITARE i contatti ravvicinati con le persone che soffrono di infezioni respiratorie;

EVITARE di soggiornare in ambienti sovraffollati;

NON TOCCARSI occhi, naso e bocca con le mani;

COPRIRSI nasa e bocca se si starnutisce o tossisce (preferibilmente con il gomito) o con mascherina;

NON PRENDERE farmaci antivirali o antibiotici se non prescritti dal medico;

CONTATTARE il numero verde NAZIONALE 1500 e il 112, se hai febbre o tosse o sei tornato dalla Cina da meno di 14 giorni, in alternativa il n. 118;

CONTATTARE il proprio Medico di Famiglia, Pediatra o Medico di C.A. telefonicamente, non andare direttamente in studio (rischio di sovraffollamento in sala d'attesa) o in P.S.;

SEGNALARE "casi sospetti” di persone che sono tornate dalla Cina o dalle regioni del Nord Italia (focolaio di infezione); il cittadino è tenuto a dichiarare il proprio viaggio recente in Cina o in regioni del Nord Italia al proprio Medico Curante, al Sindaco e all’ASP competente;

SEGNALARE ai presidi delle scuole casi di bambini o ragazzi che sono stati a contatto con il virus, o con persone di ritorno dalla Cina (i Presidi dovranno rispettare la circolare del MIUR circa la sospensione delle gite scolastiche e viaggi d'istruzione a decorrere dal 23.02.2020).

Sol. Idroalcoliche: i disinfettanti contenenti alcol (etanolo) al 75% sono efficaci per distruggere il virus sulle superfici. I disinfettanti a base di cloro all’1% sono in grado di disinfettare le superfici distruggendo il virus.

Sapone e disinfettante: lavarsi le mani spesso e accuratamente con acqua e sapone per almeno 20 secondi. Se non sono disponibili acqua e sapone, è possibile utilizzare anche un disinfettante per mani a base di alcol con almeno il 60% di alcol. Il virus entra nel corpo attraverso gli occhi, il naso e la bocca, quindi evita di toccarti con le mani non lavate.

Si invitano, altresì, tutti i Cittadini a non diffondere notizie non veritiere o non accertate.

La presente viene pubblicata aIl’AIbo pretorio deIl'Ente nonché sul sito istituzionale, viene trasmessa ai Dirigenti Scolastici degli Istituti presenti sul territorio  e viene affissa nei luoghi pubblici degli esercizi commerciali.

Per maggiori informazioni si allega alla presente disposizione il decreto legge a firma del presidente della Repubblica del 23/02/2020

Qui di Seguito Riportato

 

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Visti gli articoli 77 e 87 della Costituzione;

Tenuto conto che l'Organizzazione mondiale della sanita' il 30 gennaio 2020 ha dichiarato l'epidemia da COVID-19 un'emergenza di sanita' pubblica di rilevanza internazionale;

Preso atto dell'evolversi della situazione epidemiologica, del carattere particolarmente diffusivo dell'epidemia e dell'incremento dei casi e dei decessi notificati all'Organizzazione mondiale della sanita';

Ritenuta la straordinaria necessita' ed urgenza di emanare disposizioni per contrastare l'emergenza epidemiologica da COVID-19, adottando misure di contrasto e contenimento alla diffusione del predetto virus; Vista la deliberazione del Consiglio dei ministri, adottata nella riunione del 22 febbraio 2020;

Sulla proposta del Presidente del Consiglio dei ministri e del Ministro della salute, di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze;

Emana
il seguente decreto-legge:

Art. 1
Misure urgenti per evitare la diffusione del COVID-19

1. Allo scopo di evitare il diffondersi del COVID-19, nei comuni o nelle aree nei quali risulta positiva almeno una persona per la quale non si conosce la fonte di trasmissione o comunque nei quali vi e' un caso non riconducibile ad una persona proveniente da un'area gia' interessata dal contagio del menzionato virus, le autorita' competenti sono tenute ad adottare ogni misura di contenimento e gestione adeguata e proporzionata all'evolversi della situazione epidemiologica.

2. Tra le misure di cui al comma 1, possono essere adottate anche le seguenti:

a) divieto di allontanamento dal comune o dall'area interessata da parte di tutti gli individui comunque presenti nel comune o nell'area;

b) divieto di accesso al comune o all'area interessata;

c) sospensione di manifestazioni o iniziative di qualsiasi natura, di eventi e di ogni forma di riunione in luogo pubblico o privato, anche di carattere culturale, ludico, sportivo e religioso, anche se svolti in luoghi chiusi aperti al pubblico;

d) sospensione dei servizi educativi dell'infanzia e delle scuole di ogni ordine e grado, nonche' della frequenza delle attivita' scolastiche e di formazione superiore, compresa quella universitaria, salvo le attivita' formative svolte a distanza;

e) sospensione dei servizi di apertura al pubblico dei musei e degli altri istituti e luoghi della cultura di cui all'articolo 101 del codice dei beni culturali e del paesaggio, di cui al decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42, nonche' dell'efficacia delle disposizioni regolamentari sull'accesso libero o gratuito a tali istituti e luoghi;

f) sospensione dei viaggi d'istruzione organizzati dalle istituzioni scolastiche del sistema nazionale d'istruzione, sia sul territorio nazionale sia all'estero, trovando applicazione la disposizione di cui all'articolo 41, comma 4, del decreto legislativo 23 maggio 2011, n. 79;

g) sospensione delle procedure concorsuali per l'assunzione di personale;

h) applicazione della misura della quarantena con sorveglianza attiva agli individui che hanno avuto contatti stretti con casi confermati di malattia infettiva diffusiva;

i) previsione dell'obbligo da parte degli individui che hanno fatto ingresso in Italia da zone a rischio epidemiologico, come identificate dall'Organizzazione mondiale della sanita', di comunicare tale circostanza al Dipartimento di prevenzione dell'azienda sanitaria competente per territorio, che provvede a comunicarlo all'autorita' sanitaria competente per l'adozione della misura di permanenza domiciliare fiduciaria con sorveglianza attiva;

j) chiusura di tutte le attivita' commerciali, esclusi gli esercizi commerciali per l'acquisto dei beni di prima necessita';

k) chiusura o limitazione dell'attivita' degli uffici pubblici, degli esercenti attivita' di pubblica utilita' e servizi pubblici essenziali di cui agli articoli 1 e 2 della legge 12 giugno 1990, n. 146, specificamente individuati;

l) previsione che l'accesso ai servizi pubblici essenziali e agli esercizi commerciali per l'acquisto di beni di prima necessita' sia condizionato all'utilizzo di dispositivi di protezione individuale o all'adozione di particolari misure di cautela individuate dall'autorita' competente; m) limitazione all'accesso o sospensione dei servizi del trasporto di merci e di persone terrestre, aereo, ferroviario, marittimo e nelle acque interne, su rete nazionale, nonche' di trasporto pubblico locale, anche non di linea, salvo specifiche deroghe previste dai provvedimenti di cui all'articolo 3; n) sospensione delle attivita' lavorative per le imprese, a esclusione di quelle che erogano servizi essenziali e di pubblica utilita' e di quelle che possono essere svolte in modalita' domiciliare;

o) sospensione o limitazione dello svolgimento delle attivita' lavorative nel comune o nell'area interessata nonche' delle attivita' lavorative degli abitanti di detti comuni o aree svolte al di fuori del comune o dall'area indicata, salvo specifiche deroghe, anche in ordine ai presupposti, ai limiti e alle modalita' di svolgimento del lavoro agile, previste dai provvedimenti di cui all'articolo 3.

Art. 2
Ulteriori misure di gestione dell'emergenza

1. Le autorita' competenti possono adottare ulteriori misure di contenimento e gestione dell'emergenza, al fine di prevenire la diffusione dell'epidemia da COVID-19 anche fuori dai casi di cui all'articolo 1, comma 1.

Art. 3
Attuazione delle misure di contenimento

1. Le misure di cui agli articoli 1 e 2 sono adottate, senza nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica, con uno o piu' decreti del Presidente del Consiglio dei ministri, su proposta del Ministro della salute, sentito il Ministro dell'interno, il Ministro della difesa, il Ministro dell'economia e delle finanze e gli altri Ministri competenti per materia, nonche' i Presidenti delle regioni competenti, nel caso in cui riguardino esclusivamente una sola regione o alcune specifiche regioni, ovvero il Presidente della Conferenza dei presidenti delle regioni, nel caso in cui riguardino il territorio nazionale.

2. Nelle more dell'adozione dei decreti del Presidente del Consiglio dei ministri di cui al comma 1, nei casi di estrema necessita' ed urgenza le misure di cui agli articoli 1 e 2 possono essere adottate ai sensi dell'articolo 32 della legge 23 dicembre 1978, n. 833, dell'articolo 117 del decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 112, e dell'articolo 50 del testo unico delle leggi sull'ordinamento degli enti locali, approvato con decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267.

3. Sono fatti salvi gli effetti delle ordinanze contingibili e urgenti gia' adottate dal Ministro della salute ai sensi dell'articolo 32 della legge 23 dicembre 1978, n. 833.

4. Salvo che il fatto non costituisca piu' grave reato, il mancato rispetto delle misure di contenimento di cui al presente decreto e' punito ai sensi dell'articolo 650 del codice penale.

5. Il Prefetto, informando preventivamente il Ministro dell'interno, assicura l'esecuzione delle misure avvalendosi delle Forze di polizia e, ove occorra, delle Forze armate, sentiti i competenti comandi territoriali.

6. I termini del controllo preventivo della Corte dei conti, di cui all'articolo 27, comma 1, della legge 24 novembre 2000, n. 340, sono dimezzati. In ogni caso i provvedimenti emanati in attuazione del presente articolo durante lo svolgimento della fase del controllo preventivo della Corte dei conti sono provvisoriamente efficaci, esecutori ed esecutivi, a norma degli articoli 21-bis, 21-ter e 21-quater, della legge 7 agosto 1990, n. 241.

Art. 4
Disposizioni finanziarie

1. Per far fronte agli oneri derivanti dallo stato di emergenza sanitaria dichiarato con delibera del Consiglio dei ministri del 31 gennaio 2020, lo stanziamento previsto dalla medesima delibera e' incrementato di 20 milioni di euro per l'anno 2020 a valere sul Fondo per le emergenze nazionali previsto dall'articolo 44 del codice della protezione civile, di cui al decreto legislativo 2 gennaio 2018, n.1, che a tal fine e' corrispondentemente incrementato.

2. Agli oneri derivanti dal comma 1 pari ad euro 20 milioni per l'anno 2020, si provvede mediante corrispondente riduzione dell'autorizzazione di spesa di cui all'articolo 19, comma 1, lettera b), del decreto-legge 26 ottobre 2019, n. 124. Ai fini dell'immediata attuazione delle disposizioni recate dal presente decreto, il Ministro dell'economia e delle finanze e' autorizzato ad apportare con propri decreti, le occorrenti variazioni di bilancio.

Art. 5 Entrata in vigore

1. Il presente decreto entra in vigore il giorno stesso della sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana e sara' presentato alle Camere per la conversione in legge.

Il presente decreto, munito del sigillo dello Stato, sara' inserito nella Raccolta ufficiale degli atti normativi della Repubblica italiana. E' fatto obbligo a chiunque spetti di osservarlo e di farlo osservare.

Dato a Roma, addi' 23 febbraio 2020

MATTARELLA

Conte, Presidente del Consiglio dei ministri
Speranza, Ministro della salute
Gualtieri, Ministro dell'economia e delle finanze

Visto, il Guardasigilli: Bonafede

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 42

CERCA NEL SITO



Chi è online

 10 visitatori online

ARCHIVIO STORICO

img

AUTOCERTIFICAZIONE MODULI

img

CAMBIO DI RESIDENZA

img

GALLERIA FOTOGRAFICA

img

MULTIMEDIA

img

INFO COMUNE

Provincia: Catania (CT)
Regione: Sicilia
Popolazione: 3.682 abitanti
Popolazione Legale : 3.693 abitanti
Superficie: 35,87 km²
Densità: 102,65 ab./km²
Prefisso: 095
CAP: 95030
Santo Patrono:San Sebastiano - 20 Gennaio
Nome abitanti: Maniacesi
Codice ISTAT: 087057
Codice Catastale: M283
Codice Fiscale: 93005530873
Partita Iva : 01781170871

Comune di Maniace, © 2017 Sito web Realizzato da APKAPPA K s.r.l. - Tutti i diritti riservati.

Utilizziamo cookie tecnici e di terze parti per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Cliccando su Chiudi acconsenti all'uso dei cookie. Per approfondire o opporsi al consenso di tutti o di alcuni cookie, consulta la cookie policy. Per approfondire o opporsi al consenso di tutti o di alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Accetto i cookies provenienti da questo sito.