Municipio: Via Beato Placido 11 - 13, 95030 Maniace (CT) - Tel. 095/690139 - Fax 095/690174 - comunedimaniacect@legalmail.it

Home page Comune di Maniace
MANIACE: COMUNE AVVIA PROCEDURA PER ASSUNZIONE PRECARI PDF Stampa E-mail
Sabato 20 Febbraio 2010

Ci sono buone possibilità che i 15 lavoratori precari del Comune di Maniace (6 contrattisti e 9 lsu) vengano stabilizzati. Il Comune, guidato dal sindaco Salvatore Pinzone Vecchio, ha avviato le procedure per l'assunzione a tempo indeterminato, ma chiede alla Regione siciliana di contribuire economicamente per i primi tempi esattamente come fa adesso per i precari. «Abbiamo - spiega il sindaco - redatto un piano triennale delle assunzione che prevede l'assunzione a tempo indeterminato di 5 lavoratori l'anno. Tutto ciò però - continua - è subordinato al fatto che, almeno per i primi 5 anni, la Regione continui ad assicurare lo stesso importo che versa oggi per garantire una occupazione a questi lavoratori.
Del resto, - conclude - non trovando una soluzione, fra proroghe e rinnovi, ormai sono anni che la Regione paga». Il primo cittadino ha già formalizzato la richiesta alla Regione siciliana che l'ha girata alla commissione regionale per l'impiego che dovrà formulare il parere definitivo.

 
MANIACE: MULTATI 8 ESCURSIONISTI CON JEEP SUI NEBRODI PDF Stampa E-mail
Martedì 09 Febbraio 2010

Domenica amara per otto escursionisti che, approfittando della neve sui Nebrodi, hanno raggiunto Maniace per poi arrampicarsi sui monti in jeep e provare l'ebbrezza del fuoristrada. Gli uomini del distaccamento delle Guardie forestali di Maniace, al comando dell'ispettore superiore Antonino Montagno, infatti, hanno effettuato un servizio per reprimere il fenomeno e limitare i danni ambientali provocati dai fuoristrada che, esercitando attività sportiva all'interno del Parco o solamente solcando con le grosse ruote i fragili prati, compromettono l'integrità ambientale del territorio. Così una pattuglia, composta dal comandante stesso e dagli ispettori Alfio Grassia e Antonino Scorpo Liuzzo, hanno perlustrato le zone A e B del Parco lungo la trazzera Segheria-Mergo, bloccando 8 comitive di turisti e sanzionando i conducenti.

Di questi, quattro escursionisti dovranno soltanto pagare 50 euro per aver violato la legge del Parco, che impedisce ai mezzi a motore di entrare all'interno delle zona "B" ed "A", ma il resto dovrà pagare 2 multe. Una di 206 euro per aver lasciato la trazzera e guidato sui prati e un'altra di 82 euro per aver violato la legge forestale. In effetti, spesso i Nebrodi vengono assaliti da vere proprie "carovane" di jeep che, volendo raggiungere i posti più impervi, finiscono per arrecare un danno ambientale denunciato in passato anche dal parroco della chiesa di Maniace, monsignor Nunzio Galati. Il fenomeno si acuisce maggiormente in primavera, in occasione delle feste come il primo maggio o pasquetta. Adesso, però, gli appassionati di fuoristrada senza scrupoli faranno bene a rispettare leggi e regolamenti, se non vogliono rischiare una contravvenzione.

 
MANIACE: APPROVATO IL NUOVO BILANCIO DI PREVISIONE “GARANTITI SERVIZI SENZA NUOVE TASSE” PDF Stampa E-mail
Giovedì 07 Gennaio 2010

Il Consiglio comunale di Maniace, presieduto da Giuseppe Mancuso, ha approvato a maggioranza il bilancio di previsione per l'anno 2010. E' la prima volta che la comunità "Giardino dei Nebrodi" rispetta i tempi previsti dalla normativa, approvando un bilancio di previsione che la Giunta, guidata dal sindaco, Salvatore Pinzone Vecchio, aveva addirittura messo a disposizione del Consiglio circa un mese fa. «Un ottimo risultato - afferma il sindaco - non solo per l'Amministrazione che rappresento, ma per i cittadini che si attendono da noi servizi e tempestività di intervento. Con l'approvazione del bilancio, infatti, viene scongiurato il rischio di dover spendere in futuro in dodicesimi, con l'Amministrazione che avrà a disposizione un bilancio reale con cui operare». Infatti sono previsti investimenti e servizi soprattutto nel settore scolastico e della formazione: «Abbiamo puntato - replica il sindaco - a garantire il trasporto e la refezione scolastica. Anche gli studenti che viaggiano avranno pagato il costo dell'abbonamento. Ma abbiamo - spiega - garantito anche l'assistenza domiciliare agli anziani e la manutenzione in alcune strade. Tutto senza aumentare le tasse. Sono soddisfatto - conclude - per il lavoro svolto dalla mia maggioranza che ci ha permesso di essere inseriti nella immagino strettissima elite di Comuni ad aver approvato definitivamente il bilancio nel rispetto delle legge». Il rispetto dei tempi nell'approvazione è motivo si soddisfazione anche per il presidente del Consiglio Mancuso: «Un risultato - aggiunge - possibile grazie al lavoro della Giunta e degli uffici, che fornisce alla comunità lo strumento giusto per potere operare".

 
QUATTRO SINDACI A DIFESA DELL’OSPEDALE DI BRONTE PDF Stampa E-mail
Martedì 22 Dicembre 2009

Un intero territorio si mobilita a difesa dell’ospedale Castiglione Prestianni di Bronte caratterizzato, al momento da carenze di personale medico ed infermieristico in diversi reparti. A denunciarlo espressamente sono stati i sindaci ed i rappresentanti dei Comuni di Bronte, Maletto, Maniace e Randazzo. Ospiti del sindaco Pino Firrarello al vertice hanno partecipato i primi cittadini di Maletto e Maniace, Pippo De Luca e Salvatore Pinzone Vecchio e l’assessore di Randazzo, Antonino Zingali. “La situazione è critica. – ha affermato Firrarello – Manca personale nei reparti di Anestesia, Radiologia, Psichiatria e Ostetricia. Pensate che a Bronte mancano pure le ostetriche che in altri ospedali sono in esubero. Questo ci fa capire che qualcosa non funziona. Dall’ex direttore Scavone – continua – avevamo avuto assicurazioni sul mantenimento di tutti i servizi ed i reparti in un ospedale al servizio di un territorio montano distante dall’area metropolitana. Invece abbiamo già sentore di una possibile soppressione dei reparti di Ginecologia ed Ortopedia. Per questo chiediamo immediatamente un incontro con il direttore generale dell’Asp di Catania, affinché si faccia chiarezza sul futuro. Non accetteremo – ribadisce - alcuna diminuzione degli standard qualitativi dei servizi ospedalieri, come vogliamo chiarezza sulla fine dei lavori che già dovevano essere completati da tempo”. Concordi con Firrarello gli altri amministratori, con De Luca che si è chiesto come mai nei locali dove i lavori sono stati ultimati non si sono ancora trasferiti i reparti. Pinzone Vecchio, invece, ha sottolineato come le Istituzioni abbiano il dovere di non scherzare con i servizi sanitari, mentre per Zingali l’ospedale di Bronte ormai rappresenta l’ultimo baluardo a salvaguardia della salute dell’intero versante nord dell’Etna.

 
MANIACE: TORRENTE MARTELLO, INGABBIATI GLI ARGINI PDF Stampa E-mail
Venerdì 18 Dicembre 2009

Dopo che da quasi un mese ruspe e caterpillar sistemano gli argini del torrente Martello, sono iniziati i lavori per realizzare le gabbie di muri a secco legate e concatenate fra loro per resistere alla furia delle acque del torrente che, quando si ingrossa, fa paura alle abitazioni delle frastagliata comunità maniacese. Ed alla cerimonia di realizzazione della prima «gabbia» non ha mancato il sindaco Salvatore Pinzone Vecchio, che ha chiesto e ottenuto il finanziamento dei lavori, considerati un po' l'inizio dell'opera di messa in sicurezza degli argini di Maniace, spesso in balia delle piene dei torrenti Martello, Cutò e Saracena. «Stiamo realizzando questi 400 metri di argine - ci dice il sindaco - grazie ad un finanziamento di un milione e 100 mila euro del Ministero dell'Ambiente che siamo riusciti ad ottenere essendo stati inseriti nella graduatoria di priorità stilata della Regione siciliana.

Questo ad ulteriore conferma della riconosciuta emergenza che vive Maniace. Per questo - spiega - continuo a fare appello alla sensibilità di tutti gli enti sovra comunali competenti, a cominciare dalla Provincia fino al Ministero, affinché possano arrivare altri finanziamenti come questo che ci permettano di proseguire nell'azione di salvaguarda di case ed aziende da tutti i nostri torrenti in piena». In effetti è vero. Il risanamento e salvaguardia del territorio dai rischi idro geologici a Maniace è un argomento ritenuto importante da tutti. Già di suo la comunità e frastagliata e anche fra i monti. Spesso gli agglomerati sono distanti fra loro anche diversi chilometri, in un territorio bellissimo ma attraversato da ruscelli e torrenti. Durante l'ultima abbondante pioggia proprio il torrente Martello in piena ha divorato addirittura una strada rurale e trascinato una consistente massa di pietre e detriti. Il Cutò, inoltre, ha trascinato via una passerella, isolando più di 30 aziende agricole. Infine, ormai diversi anni fa, il torrente Saracena, che per intenderci costeggia il Castello Nelson, ha divorato una consistente parte di un uliveto piantato da decenni e minacciato la stabilità delle abitazioni di contrada Fondaco. Insomma i torrenti sono pericolosi tutti. «Lo abbiamo detto più volte - ribadisce il sindaco - Qui ogni volta che piove insistentemente le strade diventano tutt'uno con i torrenti che allagano case e cantine, rischiando di compromettere le vie di comunicazione. Per questo ritengo che i lavori inaugurati oggi siano l'inizio di una lunga serie».

 
<< Inizio < Prec. 31 32 33 34 35 36 37 38 Succ. > Fine >>

Pagina 31 di 38

CERCA NEL SITO



Chi è online

 16 visitatori online

ARCHIVIO STORICO

img

AUTOCERTIFICAZIONE MODULI

img

CAMBIO DI RESIDENZA

img

GALLERIA FOTOGRAFICA

img

MULTIMEDIA

img

INFO COMUNE

Provincia: Catania (CT)
Regione: Sicilia
Popolazione: 3.682 abitanti
Popolazione Legale : 3.693 abitanti
Superficie: 35,87 km²
Densità: 102,65 ab./km²
Prefisso: 095
CAP: 95030
Santo Patrono:San Sebastiano - 20 Gennaio
Nome abitanti: Maniacesi
Codice ISTAT: 087057
Codice Catastale: M283
Codice Fiscale: 93005530873
Partita Iva : 01781170871

Comune di Maniace, © 2017 Sito web Realizzato da Studio K s.r.l. - Tutti i diritti riservati.

Utilizziamo cookie tecnici e di terze parti per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Cliccando su Chiudi acconsenti all'uso dei cookie. Per approfondire o opporsi al consenso di tutti o di alcuni cookie, consulta la cookie policy. Per approfondire o opporsi al consenso di tutti o di alcuni cookie, consulta la cookie policy.

Accetto i cookies provenienti da questo sito.