BRONTE: UN “CICLOPE” CONTRO TOSSICODIPENDENZE E ALCOL Stampa

I Comuni del distretto sanitario di Bronte, Maletto, Maniace e Randazzo, presentano il progetto Ciclope al fenomeno della tossicodipendenza e dell’alcolismo. Nella sala Giunta del Comune di Bronte, ente capofila del progetto, ospiti del vice sindaco Melo Salvia e del presidente della commissione consiliare alla Solidarietà sociale, Maria de Luca, si sono riuniti il sindaco di Maletto, Pippo De Luca, il vice sindaco di Maniace, Gino Marino, e l’assessore di Randazzo, Nino Zingali. Con loro il dott. Carmelo Distefano, direttore del distretto sanitario, il dott. Sorrentino del Sert di Bronte, il dott. Biagio Mlei, capo area alle Politiche sociali di Bronte ed i suoi colleghi degli altri 3 Comuni. L’obiettivo è stato quello di dare vita ai percorsi formativi previsti dal Progetto Ciclope che mira ad aiutare i soggetti segnalati, percorsi finanziati dalla Regione con una quota per Comune di circa 15 mila euro.